Tea e il salice ridente – Elisabetta e Monica Maruffo

Per acquistare questo libro, cliccate qui!

Sono stata contattata poco più di una settimana fa da una delle due autrici di questo libro. Sinceramente non mi ero mai immersa nella lettura di libri per bambini, se non appunto quando ero molto più piccola di adesso. Ero restia perché pensavo di non sapere poi cosa scrivere, come parlarne, invece anche solo leggendo la prefazione e, ancora prima l’introduzione, mi sono ricreduta totalmente. Da adulta di questi tempi, non mi ero mai soffermata realmente a pensare quanto la lettura sia importante per i bambini e quanto questo si stia perdendo con l’avvento di smartphone e tablet. In questo, il medico nella prefazione, chiarisce proprio ogni dubbio dicendo:

<<“Tea e il salice ridente” è un libro che scalda il cuore. Un libro per bambini che ogni genitore dovrebbe leggere.>>

Quindi, come avete già intuito, oggi parliamo di “Tea e il salice ridente” di Elisabetta e Monica Maruffo. In breve, sono due sorelle che vivono nel basso Piemonte, una studiosa di storia, con esperienza come insegnante delle elementari, e l’altra che lavora in uno studio medico, collaborando talvolta con vari centri per ragazzi disabili. Oltre a questo sono amanti della natura e degli animali.
Le illustrazioni e la copertina sono di Enrico Debenedetti, pittore arquatese, con molta esperienza.

La prefazione, dal quale ho preso la citazione sopra riportata, è di Giuseppe Foderaro, neuropsicologo dell’età evolutiva, che lavora presso l’ospedale regionale di Lugano, in Svizzera. Resta sempre affascinato quando con lo sguardo vede un bambino immerso nella lettura di uno dei libri a disposizione nella sala d’attesa, invece che su un telefonino.
Dopo questa introduzione necessaria, parliamo della trama. Tea è una bambina piena di sogni, che ama la natura e desidera solamente starne a contatto il più possibile. I suoi genitori, tuttavia, non comprendono questo suo bisogno e questi suoi sogni, presi dai ritmi veloci imposti dalla società. Il merito dei suoi genitori sarà poi riuscire a capire i loro errori e tornare a condividere le bellezze della vita con la loro bambina.

Che dire, l’ho letto in pochissimo tempo e avrei solo desiderato la possibilità di condividerlo con un bambino, che potesse essere entusiasta quanto me della lettura! Quando mio nipote crescerà (attualmente ha due mesi, la polpetta), spero di avere la possibilità di leggerglielo e che lui sia poi in grado di cogliere la bellezza dei messaggi che questa storia vuole trasmettere e condividere. Come dice neuropsicologo Giuseppe Foderaro, ogni genitori dovrebbe leggerlo ed apprezzarlo, prima di un bambino. Dopo averlo letto condivido in pieno la sua prefazione, dall’inizio alla fine. Mi ha portata a riflettere su tematiche al quale non mi ero mai soffermata prima d’ora. Mi ha aperto davvero un mondo questa lettura, che ormai, sinceramente, avevo dimenticato crescendo. Spero che, ogni genitore, dopo aver letto un libro simile, provi la mia stessa emozione e che gli venga solamente voglia di condividere ciò con il suo bambino, perché penso che, forse, questo racconto sia più utile agli adulti che ai bambini stessi.

Per il loro profilo Instagram cliccate qui e per la loro pagina Facebook invece qui.
Per l’acquisto di questo libro invece qui, o dal loro sito.

Avete mai letto libri per bambini? E, se siete genitori, leggete con i vostri bambini?

Se ti è piaciuto, condividi con i tuoi amici!

2 opiniones en “Tea e il salice ridente – Elisabetta e Monica Maruffo”

Elisabetta

Che meraviglia grazie

Dì subito la tua! :)