La forma della luce – Arianna Calandra

Per l’acquisto del libro cartaceo, clicca qui, e qui per l’ebook!

Se avete voglia di fantasy, siete capitati esattamente nell’articolo giusto! Oggi vi parlerò di “La forma della luce” di Arianna Calandra, uscito nel 2019 ed edito IDEA, Immagina Di Essere Altro, una casa editrice al quale ormai non potrei più rinunciare in fatto di fantasy. Come vi dicevo, se amate il genere, dovete assolutamente guardare il catalogo di questa CE, non vi deluderà! Hanno moltissimi fantasy, alcuni già recensiti da noi (“Caoineadh“, “Memorie di sangue I“, “Memorie di sangue II“), con storie originali, notevoli e delle copertine altrettanto meravigliose, che rimangono davvero impresse! Ma veniamo subito al libro in questione. (Se cliccate per vedere l’ebook, trovate anche un estratto, così potete farvi ulteriormente un’idea.)

Ci dicono sempre che in ognuno di noi esistono Luce ed Ombra in egual misura, sta al singolo decidere quale via intraprendere. La verità è che la Luce ha iniziato ad abbandonare la Terra diversi millenni fa, offuscata dall’odio, dalla vendetta e dall’egoismo che dilagano sul nostro pianeta. Da secoli, gli esseri umani nascono privi di Luce, divorati dall’oscurità già dal grembo materno, perché è difficile fermare la corruzione, prepotente e incentivata dalle Ombre Risvegliate che governano il pianeta, portandolo lentamente alla sua rovina. In questi ultimi anni, però, otto bambini sono venuti al mondo puri, Luci intatte, potenti. Loro verranno messi a conoscenza della vera storia, saranno indirizzati dalle loro guide, terrene e spirituali, verso un cammino che restituirà una speranza all’umanità. Il bene non dipende dalla razza cui appartieni, dal tuo essere umano.

Quando mi trovo davanti ad un fantasy che gioca con lo spazio-tempo, mi piace valutare la tecnica con cui viene gestita una cosa tanto delicata. Il rischio è sempre quello di esagerare, di fare cose forzate essendo una cosa totalmente irreale. L’autrice, in questo caso, può essere promossa a pieni voti perché riesce a far capire il modo in cui ha strutturato il tempo senza che questo risulti forzatamente finto. Può sembrare banale, ma è un equilibrio importante nel caso di fantasy di questo genere, la possibilità di far pensare al lettore “vabè, ma che cavolata è questa” è elevato.
Il romanzo è una perfetta metafora del mondo attuale, privo di luce, pieno di ombre, di guerre, di invidia, di potere e cattiveria. L’autrice immagina già un mondo dove, ormai, la luce è ridotta totalmente al minimo, tanto che i neonati vengono al mondo già privi di essa. Ambientazione apocalittica tanto quanto veritiera. In questo primo capitolo ci viene spiattellata questa cruda realtà senza troppi giri di parole. Mi piace pensare che una persona, dopo aver letto questo libro, possa aver assorbito un po’ della luce che sprigiona, che possa riflettere sui messaggi celati della storia e che possa quindi iniziare un cambiamento, seppur minimo.
Il romanzo è il primo dell’autrice, quindi il suo esordio. Durante tutta la lettura ho assistito ad un continuo crescere nella narrazione, man mano che i capitoli passavano, si faceva sempre più incalzante, dopo un inizio un po’ lento. Nei primi capitoli, si ha un introduzione ai vari personaggi, quindi risulta più lento e meno coinvolgente, anche se necessario al fine di comprendere loro e le varie differenze. I capitoli, infatti, sono a rotazione fra alcuni delle otto luci rimaste.
Detto ciò, una volta superato questo scalino iniziale, il libro scorre che è un piacere. L’autrice scopre man mano una sua identità nella narrazione, andando sempre in meglio. La conclusione, forse, poteva essere un po’ più lasciata in sospeso, passatemi il termine. Alla fine del libro mi è sembrato che la storia fosse semplicemente divisa in due volumi, non ho sentito un vero stacco in questa fine, ma vedremo cosa ci riserverà il seguito per questo.
Nella prima parte non c’è un vero e proprio contatto fra gli otto protagonisti, l’unica correlazione che hanno le parti narranti è che sanno che ci sono altre sette persone, sparse nel mondo, come loro. Questo fa crescere molto le aspettative per il prossimo, essendo questo molto introduttivo a quello che poi avverrà.
Mi aspetto grandi cose dal secondo e ultimo capitolo di questa storia. Per essere un esordio, Arianna ha della stoffa da vendere e un talento da coltivare e far crescere! Non mi rimane che aspettare pazientemente Ottobre per scoprire come si concluderà!

Per l’acquisto del libro cartaceo, clicca qui, e qui per l’ebook!

Se ti è piaciuto, condividi con i tuoi amici!

Dì subito la tua! :)