Lady killer – Martina Cole

Per l’acquisto del libro, clicca qui!

Dopo aver visto la trama di questo libro, mi sono incuriosita subito. Di norma amo molto i thriller e storie intricate, con degli psicopatici di mezzo. Insomma, avrò qualche problema magari, ma li adoro, non giudicatemi! Quando mi è stato proposto quindi mi ci sono buttata a capofitto! Di cosa sto parlando? Di “Lady killer” di Martina Cole, uscito nel 2019 ed edito La Corte Editore.

1989. George Markham vive a Grantley, vicino a Londra, e ha un passatempo oscuro e segreto che coltiva nel capanno del suo giardino. A poco a poco però diventa un’ossessione incontrollabile che lo spinge a uccidere. Il Natale si avvicina e il terrore dilaga mentre brutali aggressioni a donne di ogni età e ceto sociale iniziano a susseguirsi. Quando anche la giovane Mandy cade vittima del sadico assassino, suo padre giura vendetta, con o senza l’aiuto della polizia. Patrick Kelly è, infatti, l’uomo più temuto della città, ricco e potente, che vive ai limiti della legalità e forse può rivelarsi più crudele dell’assassino stesso. Ma la polizia non può restare indifferente: a capo delle indagini viene messa la detective Kate Burrows, lei stessa madre di una giovane ragazza, che si avvicina a Patrick per un senso di empatia e rispetto del dolore che sta provando. Kate sa che non deve innamorarsi di lui perché la sua carriera sarebbe stroncata all’istante, ma difficilmente riuscirà a evitarlo. Mentre il mondo del crimine e della legge si scontrano, riuscirà Kate a catturare il Killer o diventerà la sua rovina?

Il thriller si presenta ben strutturato, colpi di scena, del sano romance che fa da sottofondo a questa storia (che non guasta mai). I personaggi sono ben caratterizzati, sotto ogni punto di vista, anche se forse, a tratti, risultano un po’ stereotipati e prevedibili, ma non in modo noioso. Si abbinano comunque bene alla storia e difficilmente risultano scontati. I colpi di scena sono quelli che vanno per la maggiore e tengono l’attenzione alta per tutta la durata della lettura. Parlando di un thriller di 600 pagine è una cosa molto importante perché costruire così tanta storia intorno senza risultare eccessivi non è cosa semplice.
Detto ciò, ammetto quindi che queste pagine non mi sono pesate, anzi, tutt’altro. Le mie aspettative crescevano sempre di più, fino alla fine che forse ci sono quasi rimasta un po’ male. La semplicità con cui tutto si è risolto mi ha dato quasi fastidio. Durante la lettura inizi ad odiare abbastanza il killer, davvero, che ti aspetti un finale ad effetto e invece questa aspettativa viene un po’ delusa. Guardando oggettivamente la cosa non è male, ci può stare, può sembrare quasi giusto, però non so, mi aspettavo qualcosina in più.
Detto ciò, mi sento seriamente di consigliare questo libro a tutti gli amanti del thriller perché non ve ne pentirete assolutamente. Ci sono molte scene descritte, anche un po’ crude e atroci, che lo caratterizzano molto nel suo genere, è molto particolare. Secondo me merita un bel posticino nella libreria di un thriller lover, parola da pazza di thriller.

Per l’acquisto del libro, clicca qui!

Se ti è piaciuto, condividi con i tuoi amici!

Dì subito la tua! :)