Per l’acquisto del libro, clicca qui!

Dopo “Una storia straordinaria“, Diego Galdino riprende in mano la penna (o il computer, al giorno d’oggi) e ci stupisce con un’altra storia decisamente fuori dagli schemi. Forse quella più fuori dagli schemi fino ad oggi, senza ombra di dubbio. Il 20 Settembre, infatti, uscirà il suo nuovo romanzo “Principessa Saranghae“, edito da Bertoni Editore e già pre-ordinabile su Amazon e sul sito della casa editrice. Dalla trama qui di seguito, si evince perché reputo questo romanzo un po’ diverso dal solito.

Yoo una Principessa Coreana del 1300. Giulio un ragazzo romano dei giorni nostri proprietario di uno straordinario negozio di palle di neve. Due anime destinate ad incontrarsi grazie ad una magia. La palla di neve incantata capovolge il tempo ed il destino. Così tra una carbonara preparata in un tempio buddista e una cerimonia del tè nel centro di Roma, una storia d’amore nasce a dispetto della distanza tra epoche diverse che pagina dopo pagina, sembra assottigliarsi fino a sparire del tutto, perché l’amore alla fine non cambia mai e resta sempre lo stesso dappertutto. Un drama coreano all’italiana, una via di mezzo tra Vacanze Romane, La casa sul lago del tempo, Kate & Leopold e Amarsi un po’.

“Ti amo, forse avrei dovuto dirtelo subito. Non è vero che queste cose succedono solo nei film o nei romanzi d’amore. Queste cose succedono anche nella realtà. Perché io ti amo come Darcy amava Elisabeth… ardentemente. Come Heathcliff amava Catherine… con tutta l’anima. Come Noah amava Allie… ogni giorno alla stessa maniera. Non mi è servito un anno, un mese o un’ora per capirlo. E’ bastato un momento. Il momento in cui mi sono reso conto che tutto il resto del mondo, rispetto a te, era diventato superfluo, mai abbastanza per essere felice.”




Uno scorcio della presentazione al nostro BukRomance 2021

Dopo che ho avuto l’immenso onore di presentare questo romanzo in occasione del BukRomance organizzato dall’agenzia di cui faccio parte, sono qui, pronta per recensirlo. Trovate la presentazione qui su Facebook, vi consiglio di godervela perché Diego è una persona fantastica e con una capacità di intrattenimento rara.
Ci ha presentato quindi questo nuovo romanzo, dallo stile orientale e con un protagonista bizzarro, nasce questa storia molto particolare. Perché protagonista bizzarro? Beh, Giulio ha un negozio di palle di neve. A Roma. Non è sufficiente? La storia inizia subito con la descrizione della sua vita, del suo lavoro, in modo divertente e spigliato. Che poi, strano quanto amabile perché come ogni personaggio maschile caratterizzato dall’autore, si tratta sempre di una persona dolce, romantica e piena di amore da dare.
La principessa, la protagonista, è un il perfetto personaggio orientale, di tutt’altra epoca, che si approccia in un mondo contemporaneo, in mezzo a tutti i pericoli che ne derivano. Ci delizia di scene divertenti e umoristiche mentre scopre quanto è cambiato il mondo rispetto al 1300, quando scopre l’acqua corrente in casa, un pigiama, un letto comodo. In pieno stile da commedia, ci ritroviamo insieme a lei a deliziarci di cose che ormai diamo per scontate, come un abbraccio di una persona amica o del proprio amato.
La prima cosa che risalta del romanzo, che rimane impresso anche dopo la lettura, è una concezione d’amore che va davvero oltre ogni confine, sia temporale che fisico, ma anche e soprattutto culturale. Un amore così forte che è in grado di resistere a qualsiasi difficoltà. Se gli altri suoi romanzi ci hanno insegnato che con l’amore puoi fare tutto, questo ci spiega come può anche resistere a qualsiasi tempo e a qualsiasi distanza. E scusate se è poco. Galdino è e sarà sempre un poeta dell’amore e, dopo questo romanzo, anche senza alcun confine.

Per l’acquisto del libro, clicca qui!


0 commenti

Dì subito la tua! :)