Caoineadh – Eva D’Amico

Per l’acquisto del libro clicca qui, per i possessori di Kindle Unlimited è gratuita la lettura.

Dopo aver letto questo libro, vi posso assicurare che toglierò ogni mio pregiudizio o ogni mia barriera verso alcuni generi e stili. Sono partita un po’ reticente perché di norma non scelgo questo genere fantasy inerente alla magia e cose di questo tipo. In questo caso, invece, ho avuto l’immenso piacere di collaborare con la casa editrice IDEA Immagina Di Essere Altro che mi ha sottoposto la lettura di “Caoineadh” di Eva D’Amico, un romanzo fantasy uscito nel 2018 e sono rimasta piacevolmente sorpresa!

Trama:
Aibhill, giovane nipote della capo villaggio, è una caoineadh molto dotata che sta terminando la sua istruzione. Ignara dei segreti che hanno portato Daoine, capostipite della sua specie, a svelarsi agli uomini e ben lontana dal comprendere a pieno la dualità tra la magia della Madre (intesa come forza naturale della vita) e il potere della Signora (allegoria della morte, come forma inevitabile e necessaria per l’equilibrio di tutte le cose), sarà costretta a intraprendere un viaggio al seguito della scorta reale. Durante tale percorso sceglierà di redimere il suo popolo agli occhi degli uomini, nonostante il lampante odio di questi ultimi nei suoi confronti. Non sarà facile la strada che la porterà a raggiungere il suo obiettivo; dovrà subire angherie e sopportare le catene ai polsi, sventare un intrigo ai danni del principe ereditario e convincere il rampollo dell’Accademia di magia di Auril che lei non è il nemico ma un valido alleato.

Innanzitutto sono stata piacevolmente sorpresa dall’autrice perché ha avuto la capacità di creare un mondo e, come sapete, a prescindere stimo molto chi si cimenta in queste ambientazioni perché, secondo me, è più difficile del creare una storia nel mondo nostro, che conosciamo per bene.
L’autrice ha una bellissima inventiva e nonostante parlasse di un mondo nuovo è stata ben chiara, le ambientazioni sono descritte in modo esaustivo, ma non in modo esagerato rischiando di annoiare. Alla fine della lettura abbiamo una visione totale del mondo in cui vivono le Caoineadh e il loro regno come se fosse il nostro. E questa è già una cosa di immenso valore.
I personaggi sono ben definiti e ben descritti nel loro mondo e nella loro personalità. La narrazione avviene in prima persona, cambiando di tanto in tanto il soggetto. Gran parte della storia è raccontato da Aibhill, ma abbiamo più volte i punti di vista delle persone che le stanno intorno. Questo ci consente di comprendere a pieno tutti i personaggi, i loro pensieri e il loro modo di essere, permettendoci così di capire le loro azioni.
Più volte durante il romanzo sono rimasta a bocca aperta perché l’autrice ha in serbo per il lettore dei colpi di scena non indifferenti che hanno dato un tono alla trama, rendendola non banale e mai noiosa. E quando dico “colpi di scena” lo intendo nel vero senso della parole. Cose che non avrei pensato leggendo il libro!
Unica nota dolente che è estremamente soggettiva è sul finale. Insomma, l’ho trovata la strada chiaramente più coerente e non forzata, però c’è stato qualcosa nel modo di concludere che non mi ha convinta fino infondo. Tuttavia questo finale non va a ledere l’immagine finale che mi rimane di questo libro, mi è piaciuto davvero moltissimo e l’ho trovato molto originale e molto ben scritto. Se non avesse avuto una fine così conclusiva, avrei quasi sperato in un seguito e con questo ho detto davvero tutto!

Per l’acquisto del libro clicca qui, per i possessori di Kindle Unlimited è gratuita la lettura.

A un passo dalla felicità – Cristina Mencarelli

Per l’acquisto del libro clicca qui.

Quello che più mi ha colpita di questo libro è che quando l’autrice mi ha contattata per la recensione, nella presentazione allegata c’era una bellissima frase che ha detto. Dice che ha scritto questo libro in un linguaggio semplice ed efficacie in modo che tutti possano leggerlo, anche chi non è un lettore abituale. Che dire, è davvero una bellissima cosa, voler arrivare a tutti, rendere la lettura alla portata di tutti perché di gente che legge penso non ce ne sia mai davvero abbastanza.
E’ con lieto piacere, quindi, che vi parlo oggi di “A un passo dalla felicità” di Cristina Mencarelli.

Trama:
Elizabeth Scott, una giovane giornalista italo-inglese, si trova a Roma per cercare lavoro in una delle riviste di cinema più affermate d’Italia, la Red Carpet, e per stabilirsi definitivamente nella sua amata città.
Il giorno del colloquio di lavoro, superato con successo grazie all’ottimo curriculum, la ragazza incrocia fugacemente il suo sguardo con quello di un uomo in corridoio che si rivelerà il suo capo, Samuele De Luca, trentenne plurilaureato con una carriera affermata alle spalle, nonostante la giovane età. Un ragazzo schivo, impenetrabile e con un trascorso doloroso alle spalle che lo ha portato ad alzare un muro verso le emozioni. Entrambi dovranno combattere contro se stessi per reprimere i propri sentimenti e nascondere segreti che rischiano di compromettere ogni tentativo di lasciarsi andare.
Tra le mura della redazione, fra Roma e Londra, tra amici sorprendenti, avventure rocambolesche che potrebbero innescare la miccia per una storia romantica senza tempo, i due ragazzi dovranno affrontare le proprie paure e il proprio coraggio per far fronte ai duri imprevisti della vita.

A proposito dell’autrice:
“Ho scritto con un linguaggio semplice – ha detto l’autrice – perché voglio arrivare a tutti, in particolare a coloro che non hanno mai aperto un libro in vita loro, perché sono fermamente convinta che la cultura debba essere alla portata e a disposizione di tutti”. Questa è Cristina Mencarelli, un passato da giornalista e un presente da scrittrice arguta e attenta che sa quali corde toccare per arrivare al cuore dei lettori.

Ho riflettuto molto prima di scrivere questa recensione perché mi ha un po’ spiazzata. La trama mi risultava molto interessante e proprio nel genere rosa che mi piace, romantico, dolce. Tuttavia durante la lettura mi è risultato sempre tutto un po’ troppo enfatizzato e troppo pesantino alla lunga. La protagonista risulta davvero troppo inverosimile ed esageratamente perfetta. Questo rende la lettura comunque un po’ più lenta e prolissa, anche se la storia prende ed incuriosisce sempre. Nonostante ciò ho proseguito nella lettura non facendomi scoraggiare da questo “troppo”. Alla conclusione sono stata contenta di questa scelta perché sono stata davvero ripagata di tutto. La storia è molto bella, particolare ed alla fine, con il colpo di scena finale che lascia davvero senza parole. In questo l’autrice è stata davvero molto abile perché la conclusione davvero ribalta ogni singolo pensiero che ci si era potuti fare fino a quel momento del libro e della storia in sé. Ovviamente non posso e non voglio dire nulla a riguardo perché è tutta una cosa che si gusta nella lettura del libro. Durante la lettura ogni tanto c’è qualche sentore di cosa può succedere, ma questo con il senno di poi, altrimenti difficili da cogliere. Insomma, se vi piace il genere rosa, sicuramente potete apprezzare “A un passo dalla felicità” e, se iniziate la lettura, portatela a termine perché saprà davvero trovare il modo di ripagarvi.

Mi chiamo Beba – Palma Lavecchia

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Dopo aver trattato questo tema nel giorno dedicato contro alla violenza sulle donne, ho avuto l’occasione di collaborare con Infinito Edizioni (per il loro catalogo clicca qui) ed ho scelto proprio “Mi chiamo Beba” che, per la sua forte personalità, mi stava proprio chiamando!

sdr_vivid

Trama:
La violenza contro le donne è una terribile piaga sociale che assume forme che vanno dall’estremo del femminicidio allo stalking e alle tante declinazioni di violenze quotidiane e famigliari, fisiche e psicologiche.
Beba, diminutivo di Benedetta, la protagonista di questo libro, è vittima di violenza da parte del compagno. La sua è una storia di persecuzione, resistenza e rinascita che rappresenta il paradigma dei pericoli a cui vanno incontro le donne in un Paese maschilista e ipocrita qual è l’Italia. La storia di Beba e della sua lotta per amore del figlio Mattia e della vita insegna a resistere e a non darsi mai per vinte. Ma soprattutto spiega, una volta per tutte, che se un uomo picchia una donna non lo fa per amore, ma solo per un senso distorto e malato di possesso. Quell’uomo non va protetto e le vittime non possono pensare di cambiarlo immolando la loro vita, ma va denunciato e fatto curare. È l’unico modo per farla finita col femminicidio e per avere una società migliore.

Come è facilmente intuibile dalla trama, “Mi chiamo Beba” è un libro con un messaggio molto forte e ripeterò fino allo sfinimento che non se ne parla mai abbastanza perché se tutti avessimo bene in testa il rispetto per chiunque, non avremmo bisogno di sentire o leggere queste storie.
Il libro si presenta quindi come una sorta di denuncia a quello che tipicamente viene chiamato “femminicidio” e Benedetta, la protagonista, è una donna che si ritrova proprio in una di quelle terribili situazioni insieme a Mattia, il suo bambino di pochissimi anni di vita.
Quello che più ho apprezzato della storia è che non si limita a raccontare cosa succede, ma nel suo piccolo cerca di fare un’analisi sulle motivazioni che spesso ci possono essere dietro l’attrazione che si può provare verso una persona che non ci considera e non ci ama. E’ stato un risvolto inaspettato per me perché questa fa ancora parte delle cose che non si possono dire ne accennare perché è sconvolgente, ma che nonostante tutto esistono. Una persona stabile e forte, tendenzialmente non si ritrova ingarbugliata in una relazione simile, ma ci sono delle debolezze caratteriali che ci possono portare a queste situazioni ed è importante cercare di identificarle e capire come poterle abbattere per salvaguardarci. Questo libro potrebbe arrivare a persone che non lo sanno, non si rendono conto e potrebbe aiutarle a comprendere la situazione per poi uscirne.
La storia l’ho letto tutta d’un soffio praticamente quindi è di veloce lettura, non stanca mai e la fine l’ho divorata perché non riuscivo a staccarmici. Ho trovato giusto qualche difetto per quanto riguarda i dialoghi fra i personaggi perché a volte li ho trovati un po’ forzati e fuori luogo, ma tutto sommato, e dato il tema, il libro merita davvero molto. E’ un mix di amore, di forza, di voglia di farcela, di famiglia.
In conclusione ci tengo a menzionare il catalogo della casa editrice, Infinito edizioni, perché ha davvero tantissimi libri su tematiche sociali di questo genere, variando su tantissime cose. E’ davvero molto interessante e se vi piacciono i libri di questo genere, avete trovato la casa editrice che fa per voi!

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Saya – Salvatore Pireddu

Per l’acquisto del libro, clicca qui.

Durante la settimana del 27 Gennaio, ho letto questo libro. Quale miglior lettura intorno ai giorni della memoria? Non sono solita a fare queste letture, lo ammetto. Ho iniziato giusto l’anno scorso ad interessarmi di più al genere storico e, in particolare, alla Seconda Guerra Mondiale. Detto ciò, Oggi parliamo di “Saya” di Salvatore Pireddu, uscito nel 2018, edito da Bibliotheka Edizioni.

Trama:
A Saya mancavano pochi giorni per concludere la leva militare nell’esercito polacco e decidere cosa fare della sua giovane vita. Era tornato per un breve congedo e in qualità di figlio maggiore doveva aiutare i suoi familiari nello Shiva, il lutto delle famiglie giudaiche, quando il primo settembre 1939 l’esercito tedesco attaccò la Polonia dando fuoco alle polveri del Novecento. Da quel momento i membri della famiglia Fajans furono costretti a un esodo doloroso, chi dentro i campi di lavoro russi e chi invece in quelli di concentramento tedeschi, sfiorandosi tra i deportati e tra le fila degli eserciti che combattevano tra Asia, Africa ed Europa con un unico scopo: sopravvivere. Tratto dalla vera storia di Saya, questo romanzo parla della tragedia di chi nonostante abbia perso famiglia, patria, fede e libertà ha trovato il proprio posto nel mondo. I Fajans furono soldati e insegnanti, traduttori e ribelli, ma è nell’umile mestiere del sarto che Saya si è riscoperto uomo, perché “cucire significa mettere insieme le trame, aggiustare fa bene alla memoria delle cose rotte, così come rattoppare i vestiti strappati sul petto durante il periodo di shiva fa bene all’animo sofferente”.

Beh, che cosa si può aggiungere ad un libro del genere? Non avevo letto che fosse tratto da una storia vera, l’ho scoperto leggendo le ultime pagine del libro e la cosa mi ha davvero sconvolta. Ovviamente qualsiasi libro tratto da questo periodo storico è toccante, emotivamente difficile, ma finché si parla di personaggi di fantasia è sicuramente più sopportabile. Leggere invece che è una storia vera, che Saya è realmente esistito, che ha davvero passato quelle cose che vengono raccontate. Che dire. Sono senza parole. Inutile fare discorsi storici, non è il luogo ne il momento adatto, parleremmo di cose dette e stradette, ma l’importanza di ricordare non deve mai mancare. E’ importante che queste cose rimangano ben impresse nella memoria di ognuno di noi, tenere viva la memoria di ciò che è stato, aiuta a limitare di moltissimo le possibilità che una cosa simile possa succedere ancora.
Venendo al libro, “Saya” è ben scritto, fluido, molto interessante. Non troppo lungo, non troppo corto, così risulta non essere mai pesante o noioso. Contiene molte nozioni su ciò che è stato, della vita di un ebreo e della sua famiglia nel periodo della Seconda Guerra Mondiale. Del modo in cui sopravvive, come vive la guerra, la separazione dalla famiglia e molto altro.
“Saya” è emozione, è commovente. Lascia davvero senza fiato fino alla fine. E’ stata la lettura ideale degna di questa settimana, degna del giorno della memoria.

Per l’acquisto del libro, clicca qui.

Il ponte d’argilla – Markus Zusak

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Io non so davvero da dove partire con questa recensione. Ho finito da poco l’ultimo libro uscito di Markus Zusak, l’autore di “Storia di una ladra di libri” (clicca qui per la recensione del libro e qui per quella del film) e sono davvero ancora indecisa su cosa dire e come dirlo.
Il ponte d’argilla” di Markus Zusak esce ad Ottobre 2018, edito Frassinelli e tradotto da Chiara Brovelli.

“C’era una volta, nella marea del passato dei Dunbar, una donna che aveva molti nomi”. C’erano anche un nonno con la passione per l’Iliade e l’Odissea, una nonna e la sua amata macchina da scrivere, un pianoforte recapitato al posto sbagliato, una ragazza con quindici lentiggini e la sedicesima sul collo che amava le corse dei cavalli e, infine un padre che ha abbandonato i propri figli dopo la morte della moglie e loro madre. I fratelli Dunbar. Erano 5: Matthew, Rory, Henry, Clay e Tommy. Per forza di cose costretti a vivere da soli e da definire da soli la loro vita. Finché il padre non farà ritorno. Solo Clay gli darà una mano. Lo aiuterà a costruire un ponte, metaforico o reale allo stesso tempo, ma non lo farà per Michael. Lo farà per lui, per i suoi fratelli, per il loro passato, per il loro futuro. Tocca a lui perché Clay è l’unico che sa tutto, che conosce la storia nei minimi dettagli.

“Lei era una brava ragazza, con gli occhi verdi che brillavano. Carey Novac dagli occhi limpidi. Lui era un ragazzo con il fuoco nello sguardo. Si amavano quasi come fratelli.”

E qui la parte critica. Questo libro mi ha davvero lasciata senza parole. Non so bene che tipo di potere abbia questo autore, ma il suo modo di scrivere, il modo in cui narra, mi lascia sempre senza fiato. E’ una lettura impegnativa, sicuramente non un libro per cominciare a leggere. Ha bisogno del suo tempo, ha bisogno di essere elaborato. Per questo motivo l’inizio è stato complesso. Ci ho messo qualche pagina a prendere il ritmo della narrazione perché la sua scrittura ha la capacità di destabilizzare, di farti uscire fuori da ogni tuo schema personale per portarti dentro la storia. Una volta passato questo attimo iniziale, infatti, sei parte del romanzo, insieme ai protagonisti. E’ una lettura stregata quella dei libri di Markus Zusak, non saprei come altro definirla. Un lettore inesperto potrebbe anche fermarsi prima di prendere il ritmo, quindi se decidete di leggerlo, vi posso solo dire di andare oltre. Andate oltre, continuate a leggere, abbandonate ogni schema, fatevi trascinare dalla storia, da Clay, dai fratelli Dunbar, dalla Sbagliatrice, da Michael.
Come vi ho detto, sono poco più di 600 pagine toste, ma che ho divorato, che mi hanno tenuta incollata fino alla fine nella lettura, mi sono ritrovata più volte a notte inoltrata a leggere ancora perché non ne avevo mai abbastanza. L’autore sa il fatto suo, penso che ormai sia decisamente consolidata come teoria. Se avete amato “Storia di una ladra di libri” ed avete amato la narrazione, questo non è assolutamente da meno, anzi, forse anche meglio. E’ una storia particolare, commovente, che vi farà arrabbiare, emozionare, piangere, ma alla fine saprà farvi felici, questo ve lo posso assicurare. Consiglio caldamente con il cuore la lettura di questo libro, merita troppo per essere lasciato sulla libreria, merita di essere aperto, letto, vissuto, prima di subito.

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Guida all’acquisto del tuo Kindle!

Chi mi segue su Instagram (clicca qui per accedere al profilo) saprà già che, come autoregalo di Natale, mi sono presa il mio primo Kindle! Fin’ora non avevo mai avuto un e-reader, ma un po’ per lavoro e un po’ per piacere, nel quasi 2019, dovevo adattarmi e quindi mi sono dovuta orientare un po’. Ho avuto qualche difficoltà nella scelta, ho letto molte recensioni dei clienti su Amazon e la mia scelta è ricaduta subito sull’ultimo modello: il Kindle Paperwhite versione 2018!

  • Kindle Paperwhite 2018: costo 129.99, clicca qui per l’acquisto e la scheda completa! Quello che lo fa distinguere principalmente è il suo schermo. La sua particolare illuminazione permette di leggere senza alcun riflesso, anche con la luce diretta del sole. Lo schermo non è retroilluminato come quello dei nostri più comuni smartphone o tablet, quindi anche per una lettura prolungata si presta bene senza affaticare gli occhi, ha una grandezza di 6 pollici. E’ resistente all’acqua, questo lo rende più pratico da portare davvero ovunque! Un altro suo punto di forza è l’estrema leggerezza che possiede, che lo rende un compagno di lettura più che formidabile! Ultima menzione, ma non meno importante, è la durata della batteria. Io lo utilizzo tutti i giorni, per qualche ora, e la batteria dura settimane! E’ presente sia la versione Wi-Fi che 4G.
  • Kindle: costo 69.99, clicca qui per l’acquisto e la scheda completa! Il modello base dei Kindle. Ha un schermo di 6 pollici, non ha riflessi, anche con luce diretta del sole. In questo caso è presente solo il modello Wi-Fi, non disponibile il 4G. Tuttavia, per mio consiglio personale, ormai tutti noi abbiamo uno smartphone e la possibilità di fare da Hot-Spot, per quei pochi minuti che servono per scegliere un libro o scaricarlo, direi che non è una grave mancanza. Questo, a differenza degli altri, non è resistente all’acqua, ma in compenso è più leggero di suo fratello Paperwhite.
  • Kindle Oasis: costo 249.99, clicca qui per l’acquisto e la scheda completa! Ovviamente Oasis è il top della gamma. Con uno schermo di 7 pollici, senza riflessi, anche con la luce del sole, una memoria da 8 o 32 GB, fornisce la possibilità di contenere tantissimi e-book, più di quanti una persona possa leggerne in una vita intera. Sia in versione Wi-Fi che 4G, Oasis ha uno schermo che si regola anche in base alla luce al quale è esposto, quindi regolazione automatica della luminosità. E’ resistente all’acqua, fino a 2 metri, e, a differenza degli altri due, oltre ad essere touch ha anche i pulsanti di direzione e voltapagina! E’ di qualche grammo più pesante degli altri due, ma in ogni caso non arriva neanche a 200 grammi!

In conclusione, questi tre sono i modelli proposti da Amazon come e-reader e ce n’è un po’ per tutti i gusti, dal più economico al più costoso, con svariate comodità. Sono di buona fattura, materiali ben resistenti, eleganti, tutti e tre, in questo sono davvero formidabili. Personalmente mi sto trovando benissimo e penso che, attualmente, non lo cambierei con niente. Non sono stata mai una grande fan degli e-book, ma d’altronde, come detto prima, sono costretta a stare un po’ al passo con i tempi e, per lo meno, questi modelli vengono incontro alle mie esigenze. Stiamo già molto tempo attaccati ad uno smartphone, ad una TV o ad un tablet e ridurmi ad uno schermo era l’ultima cosa che volevo. Tuttavia questi ultimi e-reader non sembrano schermi, non danno fastidio come se lo fossero, sembra di leggere davvero su un cartaceo, ma con la reattività di uno schermo normalissimo. Insomma, da reticente quale ero, ora ne sono quasi fan… ho detto quasi! La carta rimarrà sempre il mio grande amore, questi diciamo che sono solo dei buoni amanti.

Tiger blues – Jimi B. Jones

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Tiger blues” di Jimi B. Jones esce ad Ottobre 2018, edito da Watson Edizioni nella collana “luci“. All’inizio ho avuto un po’ paura nel leggere questo libro, ma questo ve lo spiegherò meglio recensione facendo.

Trama:
Jim Beam aveva un fratello, una sorella e una madre. Del padre non seppe mai niente. La mamma era seria, preoccupata, sempre nervosa. Aveva paura e non si riposava mai: aveva paura di non riuscire a mantenere i propri figli, aveva paura che uno di loro si ammalasse. Aveva paura di un sacco di cose. Invece Jim non aveva paura di niente, tranne della noia. Abitavano appena fuori Lovelock, in un posto che si chiamava Cottonfarm. Le vicende partono da quando Jim era piccolo, viveva in un recinto e passava il tempo giocando con i fratelli; prosegue con l’incontro che gli cambierà la vita e la nascita di un’amicizia decisamente fuori dal comune, così come fuori dal comune è lui, in tutto quello che riesce a fare. Axl è il figlio adolescente del proprietario di Cottonfarm, un allevamento di tigri nei dintorni di Lovelock, in Nevada, e Jim è una tigre. Axl e Jim cresceranno insieme uniti da un legame che riuscirà ad andare oltre le diversità tra la razza umana del primo e quella felina del secondo.

Un po’ paura a leggerlo.. perché? Beh, perché sono una persona molto sensibile a queste tematiche ed una volta appreso che la protagonista fosse una tigre tenuta in cattività, ho davvero avuto paura di come potesse svolgersi la storia, che mi sarei trovata ad arrancare fino alla fine. Invece stranamente no. Sebbene descriva determinate cose, non è in modo crudo, sebbene alcuni capitoli ho fatto chiaramente più fatica a leggerli rispetto ad altri, son riuscita tranquillamente ad andare avaanti e a non farmi trasportare troppo in quei casi. Tuttavia, nonostante questo, terminata la lettura, so che mi mancherà quel gattaccio che era Jim Beam.
Si è concluso nel modo migliore in cui una storia del genere potesse concludersi e sono stata davvero molto contenta, quindi se, come me, siete un po’ sensibili, potete tranquillamente fare questa lettura a cuor leggero, ve lo assicuro.
Detto ciò, posso affermare sinceramente che questo libro me lo sono divorato davvero in due/tre giorni, facendo continuamente il tifo per Jim in ogni momento, anche quando, essendo soggiogato ormai dagli umani all’inizio della storia, decide di rinunciare alla sua libertà per tornare dal suo amico. Una storia di amicizia e molto di più quindi, oserei dire, dove l’amicizia è la vera protagonista indiscussa. Il rapporto che si crea tra Axl e Jim è davvero qualcosa di unico, è una trama che si presterebbe molto anche a diventare un bel film talmente interessante.
La storia di Jim è raccontata in terza persona e così siamo accompagnati da un’abile narratore nella sua vita, dall’infanzia fino alla fine della storia, attraversando i quattro elementi, acqua, terra, fuoco e aria. Molto particolare e singolare come scelta narrativa, l’ho davvero gradita. Il libro scorre fluido, mai pesante o noioso, è davvero una chicca! Per il modo in cui è scritto si adatta a tutti i tipi di lettori, bambini, adulti, ragazzi, anziani. Davvero chiunque può leggere e amare questo libro.
Durante la lettura ho pensato a cosa volesse significare questa storia, dove stava la morale ed il significato che andava al di là della storia di Jim fine a sé stessa e devo dire che viene anche tutto spiegato nelle ultime pagine del libro, quindi per questo non svelerò nulla, perché è davvero una cosa bella che mi ha colpita particolarmente e merita di essere letta dopo la storia di Jim. Fidatevi, non ve ne pentirete davvero.

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Freddie Mercury. I will rock you!

Per l’acquisto del libro, clicca qui.

Dopo aver visto quel bellissimo film che è stato Bohemian Rhapsody, avevo davvero una gran voglia di approfondire di più la conoscenza di questo mito intramontabile che è Freddie Mercury! Da sempre fan dei Queen sotto il punto di vista musicale, non ho mai avuto l’input comunque di voler leggere o informarmi di più dal punto di vista biografico. Non essendo figlia di quei tempi, mi sono sempre trovata molto lontana da questo mondo, per esserne realmente interessata di mio. Mi son dovuta ricredere, tuttavia, dopo la visione del film che, lo ammetto, mi ha gasata davvero di brutto!
Così ho girovagato su internet, cercando la biografia più adatta a quello che volevo leggere, essendo davvero pieno di biografie dei Queen e di Mercury in generale (davvero ragazzi, la cosa è andata un po’ oltre, ce ne sono davvero troppe!) e così ho trovato questa, che poi ho acquistato! “Freddie Mercury. I will rock you. La biografia definitiva” di Lesley-Ann Jones edito Sperling&Kupfer. L’autrice è stata la giornalista musicale negli anni ’80 dei Queen, quindi diciamo che non penso si sia proprio improvvisata nella stesura di questa biografia.

Freddie Mercury, la leggenda: il suo genio musicale, la sua voce magica e la sua incomparabile creatività continuano ad affascinare milioni di fan. In questa eccezionale biografia la giornalista musicale Lesley-Ann Jones, fin dai primi anni Ottanta a stretto contatto con i Queen e il loro entourage, scandaglia la storia del rocker, sfrondando chiacchiere e pettegolezzi per portare alla luce la personalità di un individuo timido e affascinante, deciso a sperimentare ogni eccesso – compresi quelli che gli abbrevieranno drammaticamente la vita – pur di esprimersi. Scopriamo così gli eventi fondamentali della vita di Freddie, dalla nascita a Zanzibar alla solitudine del collegio in India, dalla fuga a Londra al successo planetario della band, fino alla tragica morte per AIDS. Un racconto documentato, avvincente e ricco di aneddoti, che rivela la rigida educazione, la sessualità libera, la passione divorante per la musica, il tormento e l’euforia alla radice di canzoni rimaste nella storia, il periodo cruciale in cui una spettacolare performance al Live Aid catapultò il gruppo di nuovo al centro della scena.

Beh, che dire? Me la sono divorata. Quando ho pubblicato l’immagine sul mio profilo Instagram (clicca qui per accedere) in molti mi hanno chiesto se fosse romanzata e cose di questo tipo. Domanda più che legittima dato che era anche una mia paura: l’ultima cosa che volevo leggere era proprio una sorta di romanzo basato sulla storia di Freddie Mercury dove molte cose potevano anche essere esagerate o adattate per la storia. Invece no, per fortuna non lo è. Il libro si suddivide in capitoli ed ognuno di questi va a toccare varie tappe della vita di Freddie e della formazione dei Queen, in modo abbastanza schematico, riportando varie testimonianze, sia dei personaggi stessi che delle persone che, al tempo, avevano a che fare con loro e che, quindi, gli erano molto vicini. E’ molto interessante, permette davvero di sentirsi vicini ed arrivare il più a fondo possibile a un genio musicale come lui.
Il primo capitolo è dedicato al Live Aid, quindi proprio parte col botto, a mille e contiene tante curiosità, testimonianze e nozioni varie di quel fantastico evento. Per me che, per motivi anagrafici, non ci sono potuta essere ne assistere anche solo da lontano, è davvero una cosa bellissima, sembra di respirare proprio quell’aria da anni ’80!
Dopo questo inizio, si torna indietro temporalmente all’infanzia, dai primi anni di vita in poi, seguendo le varie tappe di vita che hanno poi portato alla leggenda. Infatti, non per niente, l’ultimo capitolo s’intitola proprio “Leggenda”!!
In conclusione, se volete una biografia, che non sia romanzata o abbia cose campate un po’ per aria, vi consiglio assolutamente questa. Essendo scritta da una persona a loro vicina, per me è davvero l’ideale. Inoltre le testimonianze riportate all’interno del libro sono di tantissime persone, famigliari, amici di vecchissima data, anche prima che diventasse famoso e via dicendo, quindi nulla di scontato. Al centro, inoltre, troviamo anche una serie di pagine, corredate di foto, con didascalie che spiegano tutti i vari riferimenti. Insomma, è davvero troppo interessante e se volete fare un tuffo negli anni ’70/’80 fa davvero al caso vostro. Se siete fan dei Queen, non potete proprio farne a meno!

Per l’acquisto del libro, clicca qui.

Margherita e punto.

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo clicca qui. Inoltre, per i possessori di Kindle unlimited è gratuito, clicca qui per iscriverti subito, hai 30 giorni di prova!

Ok, ammetto che non mi sarei mai immaginata di leggere un libro simile. “Margherita e punto” di Margherita E. Punto è un libro che ti tocca nel profondo. Nelle sue poche pagine, ti da l’impressione di conoscerti da sempre.

Trama:
Questa non è una favola per bambine!
O meglio, non per le bambine cui stai pensando, quelle che saltano nelle pozzanghere, si sbucciano le ginocchia, strillano e fanno i capricci. E nemmeno quelle occhialute che se ne stanno sedute in un cantuccio, con un libro da colorare tra le mani. 
Questa è una favola per la bambina che è dentro di te, quella che ne ha viste tante, ne ha passate tante, e ad ogni brutto colpo è sopravvissuta. Quella che per proteggersi ha cercato un nascondiglio in fondo al cuore e vi si è rannicchiata. Quella che si mette le mani sugli occhi, per non assistere alle brutture del mondo che la circonda. 
Ecco, questa favola è per quella bambina, e se avrai la voglia, la pazienza e la costanza per arrivare fino in fondo a queste pagine te ne accorgerai… oh sì che te ne accorgerai, e finalmente la vedrai tornare a sorridere. 

Credo che la trama contenga già tutta l’essenza di questo libro. Con una storia ed un linguaggio semplice, “Margherita e punto” ci fa rivivere molte situazioni in cui sicuramente ogni persona si è trovata almeno una volta nella vita. Ti sei mai sentito poco adeguato, poco accettato? Hai mai avuto l’impressione, anche se per poco, di non valere abbastanza, di non fare abbastanza? Oppure che qualsiasi cosa tu faccia, qualcuno sarà sempre meglio di te? Ecco, questo libro è per quelle persone che, almeno una volta nella vita, seppur per pochissimo tempo, nel migliore dei casi, si sono sentite in questo mondo.
In un viaggio breve nella vita di Margherita, abbiamo la possibilità di immedesimarci nella sua storia, nella sua vita. Trovare in Margherita qualcosa di noi, qualche aspetto del nostro carattere o una nostra debolezza è molto semplice. Personalmente, durante la lettura, mi sono immedesimata in molti aspetti con la protagonista e credo che, come dice il libro, a fine lettura non sarai davvero più la stessa persona che aveva iniziato a leggere.
Non avrei mai pensato che un libro così breve, potesse essere così intenso e piacevole, con anche delle bellissime illustrazioni ad hoc. Inoltre, come ogni favola che si rispetti, ha una morale che viene esplicitata alla fine della narrazione. Non è facile scrivere favole e far capire esattamente dove si vuole arrivare, con una bella morale e ben chiara, eppure sotto questo punto di vista, l’autrice mi ha davvero colpita.
La cosa fondamentale per me, per leggere questo libro, è abbandonare ogni pregiudizio ed abbandonarsi totalmente alla lettura. Se lo farete, Margherita saprà davvero come ripagarvi.

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo clicca qui. Inoltre, per i possessori di Kindle unlimited è gratuito, clicca qui per iscriverti subito, hai 30 giorni di prova!

L’alibi imperfetto – Riccardo Lamperti

Per l’acquisto del libro clicca qui e per il profilo dell’autore qui.

Oggi parliamo di “L’alibi imperfetto” di Riccardo Lamperti. Anche in questo caso, non mi ero mai cimentata in letture del genere, ammetto che non è proprio il mio genere, ma siccome ho deciso di abbassare le mie barriere personali da quando ho aperto questa rubrica per autori emergenti, mi sono comunque buttata a capofitto nella lettura di questo libro. L’autore mi scrive chiedendomi se tra le 50 mila pagine c’è spazio anche per “L’alibi imperfetto“, che è il suo primo lancio, ed ovviamente, con una premessa così, la risposta non poteva che essere un grande sì!

Trama:

Che mondo sarebbe senza passato. Cosa ne sarebbe se gli uomini smettessero di comunicare, rassegnandosi a migrare verso l’estinzione. Come sarebbe, se di uomini svuotati della coscienza i libri soltanto conservassero la memoria. Quanto a lungo vagherebbe un padre nell’indomita speranza di riabbracciare suo figlio. Se al destino delegassimo le nostre strade per intrecciarle, la morte si arrogherebbe il diritto di dividerle. La lunga migrazione è iniziata. Quanto stenteremo a riconoscervi il nostro mondo.

Uscire dai miei schemi. Non finirò mai di dirlo in questa rubrica. Come ho già detto su Instagram, mi ritrovo sempre a mettermi alla prova in questa rubrica e, questo libro, è quello che mi ha fatto mettere più in discussione di tutti. Senza ombra di dubbio è un libro che ti costringe a riflettere, non hai scampo, non da via d’uscita. Una volta iniziata la lettura è un continuo turbinio di emozioni contrastanti, pensieri e riflessioni. Non è sicuramente una lettura leggera, ma impegnativa. Tuttavia è molto ben scritto, il linguaggio usato dall’autore è la perfetta cornice per un libro simile.
La storia in sé ci pone davanti a quesiti non indifferenti, in un momento in cui il genere umano non è in grado di comunicare tra sé, dove sembra che tutti abbiano dimenticato i sentimenti, le emozioni, la bellezza di condividere. Come potete capire, non è esattamente una tematica semplice e leggera, ma tutto sommato l’autore riesce, con il suo linguaggio ben strutturato e fluido a farci capire ogni singolo passaggio.

Inoltre, da non dare affatto per scontato, c’è la copertina che assumerà un significato particolare durante la lettura del libro e, di norma, è una cosa che apprezzo moltissimo quando anche la copertina ha un suo perché.
Ammetto che non è molto il mio genere, quindi sento, in parte, di non essere in grado di apprezzarlo fino infondo, ma ciò che ha suscitato in me, in ogni caso, me lo porto dentro ed è quello il fine del racconto, penso. Quello di far riflettere, di porre il lettore davanti ad una cruda realtà, per poi trovare il modo, insieme ai protagonisti, di rinascere e capire alla fine i veri valori.

Per l’acquisto del libro clicca qui e per il profilo dell’autore qui.