Così venne la notte – Francesco Morga

Per l’acquisto del libro, clicca qui.

Posso dire che ero un po’ a digiuno del genere horror? Anzi, peggio ancora.. Credo di non averne mai letto uno perché avevo paura sinceramente mi facesse strani effetti. Ormai aboliti da anni i film, non avevo mai preso in considerazione i libri pensando che mi facessero troppa impressione. E invece… Sì, è proprio così, mi impressionano e mi inquietano un po’! Sicuramente con questa collaborazione non sono andata sul leggero, lo ammetto, ma tant’è che, nonostante tutto, posso dire di averlo apprezzato lo stesso.
Iniziamo subito:”Così venne la notte” di Francesco Morga, edito a Casta Editore e uscito a Febbraio 2019.

Quando l’ultima grande notte scese sulla Terra, la battaglia finale fra Lui e L’altro ebbe inizio. Al centro l’umanità, in fuga dai demoni sotto un cielo sull’orlo del collasso. L’Apocalisse si presente come un Vaso di Pandora impossibile da richiudere. Se ne renderanno conto Alessandro, Laura, Giovanni, Davide, Angela e Andrea, vittime e carnefici di loro stessi, imprigionati in un labirinto di macerie e orrori alla ricerca di una salvezza che non esiste. O forse sì?

Francesco Morga, classe 1983, è laureato in Lettere e specializzato in Filologia Moderna presso l’Università degli Studi di Bari. Autore e blogger casuale, è appassionato di horror, libri, musica, cinema e serie TV. Si definisce un “collezionista di cose inutili”. “Così venne la notte” è il suo primo romanzo.

Beh, che dire. Come esordio dell’autore non c’è male veramente. Come vi accennavo all’inizio, mi ha un po’ inquietata questo libro perché, come ogni horror che si rispetti, ci sono scene molto crude che vengono descritte per altro in modo egregio, ma potendo usare l’immaginazione è decisamente molto più gestibile di dover guardare un film horror che rimane ancora una cosa impossibile per me!
Il libro è davvero notevole, scritto molto bene e ben definito. L’unico problema che ho avuto leggendo è che a volte mi perdevo un po’ i dettagli dei personaggi, non capendo subito qual era il passato e quale il presente. Questo può anche essere dovuto in ogni caso alla mia mancata esperienza in questo campo. Eccetto questo, il romanzo risulta molto scorrevole, capire dove vuole andare a parare e quali fossero le sorti del pianeta sono stati la chiave per tenermi incollata totalmente alla lettura.
Una menzione specifica la merita il finale. Davvero notevole, l’ho apprezzato moltissimo, molto coerente e del tutto improbabile. Non me lo aspettavo proprio, vi giuro. Non so se questo dipenda dalla mia, sopracitata, inesperienza, ma mi ha lasciata sconvolta davvero e ha contribuito al mio apprezzamento generale della storia e del libro.
In conclusione, se vi piacciono gli horror, questo davvero non ve lo potete far scappare. L’autore merita fiducia e può solo migliorare!