Lady killer – Martina Cole

Per l’acquisto del libro, clicca qui!

Dopo aver visto la trama di questo libro, mi sono incuriosita subito. Di norma amo molto i thriller e storie intricate, con degli psicopatici di mezzo. Insomma, avrò qualche problema magari, ma li adoro, non giudicatemi! Quando mi è stato proposto quindi mi ci sono buttata a capofitto! Di cosa sto parlando? Di “Lady killer” di Martina Cole, uscito nel 2019 ed edito La Corte Editore.

1989. George Markham vive a Grantley, vicino a Londra, e ha un passatempo oscuro e segreto che coltiva nel capanno del suo giardino. A poco a poco però diventa un’ossessione incontrollabile che lo spinge a uccidere. Il Natale si avvicina e il terrore dilaga mentre brutali aggressioni a donne di ogni età e ceto sociale iniziano a susseguirsi. Quando anche la giovane Mandy cade vittima del sadico assassino, suo padre giura vendetta, con o senza l’aiuto della polizia. Patrick Kelly è, infatti, l’uomo più temuto della città, ricco e potente, che vive ai limiti della legalità e forse può rivelarsi più crudele dell’assassino stesso. Ma la polizia non può restare indifferente: a capo delle indagini viene messa la detective Kate Burrows, lei stessa madre di una giovane ragazza, che si avvicina a Patrick per un senso di empatia e rispetto del dolore che sta provando. Kate sa che non deve innamorarsi di lui perché la sua carriera sarebbe stroncata all’istante, ma difficilmente riuscirà a evitarlo. Mentre il mondo del crimine e della legge si scontrano, riuscirà Kate a catturare il Killer o diventerà la sua rovina?

Il thriller si presenta ben strutturato, colpi di scena, del sano romance che fa da sottofondo a questa storia (che non guasta mai). I personaggi sono ben caratterizzati, sotto ogni punto di vista, anche se forse, a tratti, risultano un po’ stereotipati e prevedibili, ma non in modo noioso. Si abbinano comunque bene alla storia e difficilmente risultano scontati. I colpi di scena sono quelli che vanno per la maggiore e tengono l’attenzione alta per tutta la durata della lettura. Parlando di un thriller di 600 pagine è una cosa molto importante perché costruire così tanta storia intorno senza risultare eccessivi non è cosa semplice.
Detto ciò, ammetto quindi che queste pagine non mi sono pesate, anzi, tutt’altro. Le mie aspettative crescevano sempre di più, fino alla fine che forse ci sono quasi rimasta un po’ male. La semplicità con cui tutto si è risolto mi ha dato quasi fastidio. Durante la lettura inizi ad odiare abbastanza il killer, davvero, che ti aspetti un finale ad effetto e invece questa aspettativa viene un po’ delusa. Guardando oggettivamente la cosa non è male, ci può stare, può sembrare quasi giusto, però non so, mi aspettavo qualcosina in più.
Detto ciò, mi sento seriamente di consigliare questo libro a tutti gli amanti del thriller perché non ve ne pentirete assolutamente. Ci sono molte scene descritte, anche un po’ crude e atroci, che lo caratterizzano molto nel suo genere, è molto particolare. Secondo me merita un bel posticino nella libreria di un thriller lover, parola da pazza di thriller.

Per l’acquisto del libro, clicca qui!

L’ipnotista – Lars Kepler

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui!

Ebbene sì, mi sono decisa, dopo molto tempo e dopo averne sentito parlare solo che bene. Ora posso ritenermi soddisfatta, ho letto anch’io un libro di Lars Kepler. Per gli amanti del genere è sicuramente un nome già noto, essendo un grande scrittore di thriller, nello specifico psicologici. Finalmente anch’io mi sono messa al passo e ne ho letto uno. Sono partita da “L’ipnotista“, uscito nel 2009, edito da Longanesi Editore e tradotto da A. Bassini. E’ il primo libro dell’autore che leggo, nonostante tutti me ne abbiano sempre parlato super bene. Che dite, mi avrà convinta?

Si chiama Erik Maria Bark ed era l’ipnotista più famoso di Svezia. Poi qualcosa è andato storto e la sua vita è stata a un passo dal crollo. Ha promesso pubblicamente di non praticare mai più l’ipnosi e per dieci anni ha mantenuto quella promessa. Fino a oggi. Oggi è l’8 dicembre, è una notte assediata dalla neve ed è lo squillo del telefono a svegliarlo di colpo. A chiamarlo è Joona Linna, un commissario della polizia criminale con l’accento finlandese. C’è un paziente che ha bisogno di lui. È un ragazzo di nome Josef Ek che ha appena assistito al massacro della sua famiglia: la mamma e la sorellina sono state accoltellate davanti ai suoi occhi, e lui stesso è stato ritrovato in un lago di sangue, vivo per miracolo. Josef è ricoverato in grave stato di choc, non comunica con il mondo esterno. Ma è il solo testimone dell’accaduto e bisogna interrogarlo ora. Perché l’assassino vuole terminare l’opera uccidendo la sorella maggiore di Josef, scomparsa misteriosamente. C’è solo un modo per ottenere qualche indizio: ipnotizzare Josef subito. Mentre attraversa in auto una Stoccolma che non è mai stata così buia e gelida, Erik sa già che infrangerà la sua promessa. Accetterà di ipnotizzare Josef. Perché, dentro di sé, sa di averne bisogno. Sa quanto gli è mancato il suo lavoro. Sa che l’ipnosi funziona. Quello che l’ipnotista non sa è che la verità rivelata dal ragazzo sotto ipnosi cambierà per sempre la sua vita. Quello che non sa è che suo figlio sta per essere rapito…

… In realtà no, non mi ha convinta. Mi spiace davvero dirlo, ma non sono riuscita ad apprezzarlo come lo hanno apprezzato molte persone con cui ho parlato, che ne hanno parlato solo che bene. Il modo di scrivere degli autori non è affatto male, è incalzante, inquietante, tiene alta la tensione, anche se in alcuni punti li ho trovati molto confusionari. Una tantum ci sono dei dettagli e delle cose inutili, che hanno poco senso e con la storia non c’entrano proprio nulla. Ho fatto davvero fatica a trovare un ritmo di lettura per questo thriller, mi annoiava, mi sentivo una sciocca perché non ci capivo nulla. Continui salti temporali, cambi di narrazione non molto logici, motivo per cui è anche difficile capire quale sia realmente il protagonista. Insomma, specialmente le prime pagine hanno cambi continui di qualsiasi cosa, sono molto confusionari.
La trama, tuttavia, era molto promettente per un thriller psicologico. Quale miglior protagonista per questo genere di un ipnotista per professione?? Anche qui sono stata delusa, comunque. La trama interessante, ma sviluppata davvero male. La storia inizia con un pluriomicidio molto cruento e accattivante, che da molto brio a quello che viene raccontato. Salvo poi scoprire che è solo l’inizio, perché poi nelle varie vicessitudini non c’entra praticamente nulla ed è abbastanza irrilevante. Qualcosa nella storia fa, la cambia, ma nulla di sostanziale. Un dettaglio cruento e inutile e secondo me è un vero peccato perché, come vi dicevo, è MOLTO accattivante per questo genere. Non capisco perché creare una situazione simile e non approfondirla.
Sicuramente leggerò altro di questo autore, ne parlano tutti così bene che mi sembra strano non trovarci nulla di speciale, anzi. Una seconda occasione si da a tutti chiaramente, quindi vedremo, state sintonizzati che presto saprete il proseguimento!

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui!

Alaska: la resa dei conti – Brenda Novak

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui! (Vi consiglio l’acquisto su Amazon, è presente uno sconto del 15%!!)

Finalmente, habemus il seguito! Chi mi segue da un po’ sa quanto io abbia aspettato questo preciso momento. L’estate scorsa, in America, usciva il terzo capitolo dedicato alla saga di “Alaska“. In Italia abbiamo dovuto aspettare più di un anno per averlo, ma per fortuna è finalmente a nostra disposizione!!
Qual ora vi siate persi i primi due capitoli vi rinfresco la memoria: il primo s’intitola “Alaska“, è stata una delle mie prime recensioni qui sul blog e la trovate qui. Il suo seguito, invece, s’intitola “Hanover House“, uscito circa un anno fa, e la sua recensione la trovate qui!
Ad Ottobre 2019, quindi, esce finalmente il terzo e fin troppo atteso capitolo: “Alaska: la resa dei conti“, sempre di Brenda Novak, edito Giunti e tradotto da Cristina Verrienti. Non sarà l’ultimo di questa saga, ma di questo parliamo strada facendo. Veniamo alla trama!

La copertina del libro, su Amazon col 15% di sconto!

«La paura non può impedirmi di vivere la mia vita»: è quello che si ripete ogni giorno la psichiatra Evelyn Talbot, soprattutto da quando si è trasferita ad Hanover House, la clinica di massima sicurezza in mezzo ai ghiacci dell’Alaska, dove studia le menti dei più efferati serial killer. Chi meglio di lei può guardare il male dritto negli occhi, dopo essere sopravvissuta alle torture di Jasper, il ragazzo che a sedici anni l’ha ridotta in fin di vita, sfuggendo poi a ogni tentativo di cattura? Adesso, a quarant’anni, si sente pronta a realizzare il sogno di avere un figlio con il suo compagno, l’affascinante sergente Amarok. Ma la gravidanza non arriva e nel frattempo, nei dintorni della clinica, cominciano a succedere fatti inquietanti. Una turista è scomparsa durante una bufera di neve, e quando Amarok giunge allo chalet ha subito un pessimo presentimento: la porta del capanno della legna è stata fatta a pezzi con un’ascia. I sospetti cadono sul fidanzato della ragazza, ma quando dalla neve riemerge non un cadavere di donna, bensì due, Amarok inizia a temere che ci sia in giro qualcuno di molto più pericoloso. Qualcuno con lo stesso modus operandi di Jasper. Molti anni prima Evelyn si era fatta una promessa: non essere mai più una vittima. Ma è davvero possibile sopravvivere due volte alla furia di un killer?

Ho letto questo libro in tre giorni, due serate ed un pomeriggio. Non sono riuscita a fare di meglio, ma credetemi che l’avrei fatto in un giorno solo. Dopo due capitoli non ho trovato neanche un po’ di calo, sembra proprio di leggerli uno di fila all’altro. La storia rimane perfettamente coerente, mai forzata. Nel caso di una saga è facile avere dei momenti sotto tono o attimi in cui la trama prende una piega un po’ forzata per allungare il brodo, ma questo non è stato il caso di “Alaska: la resa dei conti“. Temevo un po’ che la storia di Jasper diventasse esasperante e forzata, invece è perfettamente plausibile le difficoltà dello scovare un abile serial killer come lui.
Gli ultimi capitoli, come anche negli altri due libri, sono stati adrenalinici, li ho letti trattenendo il respiro, ve lo posso giurare! Non so come sia possibile, ma questa si è rivelata davvero una delle mie saghe preferite. Ormai è nota la mia stima verso la Novak come scrittrice, ma davvero con questi libri si è superata. Come è solita fare, offre molti spunti di riflessione sotto punti di vista psicologici, nello studio dei serial killer psicopatici come quelli detenuti ad Hanover House e come Jasper stesso, è un aspetto che non smette mai di saziarmi, è inutile. La sete di sapere è alla base di questi thriller psicologici.
Comunque, non so se è perché è la prima edizione, avendo acquistato il libro subito, ma presenta qualche refuso qui e lì, nulla di fastidioso, ma dopo più di un anno ad aspettare un libro come questo, mi ha abbastanza stranita, magari le prossime edizioni saranno migliorate.
Vogliamo parlare del quarto capitolo? Parliamone. Questo terzo libro per me è assolutamente conclusivo, non trovo la motivazione del proseguire ancora con la storia di Evelyn, ormai sappiamo che fa un lavoro pericoloso e che nel corso del tempo potrebbe trovarsi ancora face to face con qualche psicopatico, ma non c’è bisogno di un altro libro per questo. Tutto gira intorno a lei e a Jasper, una volta risolta la questione, sia in positivo che negativo, dovrebbe finire lì. Inoltre, la presenza di un quarto libro spoilera abbastanza la fine del terzo, anche se a grandi linee e, secondo me, non era affatto necessario. Lo leggerò? Probabilmente sì, non mi piace lasciare le cose a metà e sono sicura che sarà comunque un buon libro, preso singolarmente, e perché ormai il mio amore per Amarok è tale che non sono ancora pronta a lasciarlo tutto solo nella mia libreria. Detto ciò, avrei decisamente evitato, concludendo la storia con questo ultimo thriller che, secondo il mio punto di vista, era la conclusione perfetta ad una saga così bella.

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui! (Vi consiglio l’acquisto su Amazon, è presente uno sconto del 15%!!)

La ragazza nel parco – Alafair Burke

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Eccoci qui, finalmente ho letto anch’io un libro di questa autrice. Ne ho sentito molto parlare, il suo libro aveva fatto successo come era capitato a “La ragazza del treno” (clicca per la recensione) e quindi ho voluto leggere anche questo. Mi riferisco a “La ragazza nel parco” di Alafair Burke uscito nel 2016, tradotto da S. Marcolini e edito da Piemme. Ero indeciso su che libro prendere di questa autrice perché, lo ammetto, non me ne incuriosiva neanche uno leggendo le trame. Mi sono convinta su questo, ma mi avrà davvero presa?

Quando Olivia Randall, avvocato newyorchese, viene svegliata da una telefonata, non ha idea di chi sia la ragazzina che, dall’altro lato della cornetta, la implora di aiutarla. Ma basta un nome a farle capire. Jack Harris. Il famoso scrittore, padre della ragazzina, accusato di omicidio e ora in cella, in attesa di processo. Jack Harris è un nome che dice troppe cose a Olivia: perché Jack e Olivia hanno un passato. Un vecchio amore finito male vent’anni prima. Un amore di cui lei porta ancora dentro i segni e forse la colpa di aver lasciato che le cose andassero come sono andate. Di fronte alla richiesta della figlia di Jack, Olivia sa che non ha altra scelta. Aiuterà Jack. A costo di lasciare che lui dia sfogo a una vendetta tenuta a bada per tutti questi anni. Jack non ha un alibi, non ha testimoni, e non ha un motivo plausibile per essere dov’era quando qualcuno ha fatto fuoco nel parco, ammazzando tre persone. E ben presto Olivia sarà costretta a chiedersi se Jack sia davvero innocente, e non la stia manipolando…

Ci ho pensato un po’ prima di scrivere questa recensione perché di norma mi spiace andare un po’ contro corrente. In tantissimi mi avete detto che questo libro vi era piaciuto molto, ma a me proprio non ha convinto. L’ho trovato abbastanza scontato e banale tutto il tempo, giusto il finale mi ha stupita un po’ perché, effettivamente, ha un piccolo colpo di scena, anche se nulla di originale in ogni caso, ma almeno tira un po’ su la piattezza della storia. Il libro si fa leggere tranquillamente, non è un mattone eterno che non finisce mai, però, in base a ciò che avevo sentito in giro, mi aspettavo molto molto di più.
Il libro viene inserito nel genere giallo/thriller, ma a me pare più sul giallo che thriller, onestamente. Non ha grandi scene di tensione ed azione tipiche di un thriller, ma procede più lentamente con i ritmi di un giallo. Se volete leggere un libro semplice e veloce, sicuramente fa al caso vostro, ma se vi aspettate grandi cose… Beh, io vi consiglio di cambiare libro perché questo non vi stupirà.
La trama non l’avevo già trovata particolarmente convincente, ma come nessun libro di questa autrice. Non so, mi capita raramente, ma ho letto qualche trama dei libri presenti in libreria in quel momento e non sentivo nessun richiamo particolare per nessuno di quelli che ho guardato. Come vi ho detto prima, non è un brutto libro, ma se siete appassionati di gialli e thriller, questo caso mai può farvi solo da antipasto, ve lo posso assicurare.

Avete letto altri libri di questa autrice? Consigliatemene qualcuno, le vorrei dare un’altra possibilità!

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

La ragazza scomparsa – Brenda Novak

Per l’acquisto del libro, clicca qui.

Chi mi segue da un po’ ormai l’avrà capito. La mia autrice di thriller psicologici preferita, insieme a Wulf Dorn, è senza dubbio Brenda Novak! Dopo “Alaska” e il suo seguito “Hanover House“, inganna l’attesa del prossimo seguito con il suo nuovo libro, fresco di stampa, “La ragazza scomparsa“, edito da Harper Collins, che mi ha omaggiata di una copia, tradotto da A. De Angelis.

È un caldo pomeriggio di primavera in un tranquillo quartiere residenziale di Sacramento, California, quando Samantha, tredici anni, all’improvviso scompare nel nulla. Sua madre Zoe è attonita, preoccupata, distrutta. Teme che le possa essere successo qualcosa di terribile. Qualcosa che in passato è accaduto anche a lei, e che le ha cambiato la vita. Zoe è disposta a perdere tutto ciò che con fatica ha costruito pur di ritrovarla: il lavoro, la casa, il compagno. Ma la prima ipotesi formulata dalla polizia è quella di una banale ripicca adolescenziale, perché a quanto pare la ragazzina detesta l’uomo che Zoe ha deciso di sposare per regalare a Samantha un’esistenza meno travagliata della sua. Ma se non fosse così? Se Anton fosse sì un maniaco dell’ordine e del controllo, un arrivista interessato a una famiglia di facciata, ma non c’entrasse nulla con la sparizione di Sam? Sono queste le domande che tormentano Jonathan Stivers, l’investigatore privato a cui Zoe ha chiesto aiuto per ritrovare Samantha. È un caso che lo mette in seria difficoltà, e non solo perché ha pochissimi indizi su cui basare le ricerche e ancor meno tempo a disposizione. A complicare la situazione c’è anche la sconvolgente attrazione che prova nei confronti di Zoe, e un sospetto che con il passare delle ore si rafforza sempre di più: Sam è stata rapita da qualcuno che conosceva. Qualcuno che vive vicino alla famiglia e ne ha studiato le abitudini. Qualcuno che non è chi dice di essere.

Io vi dico solo che ho letto questo libro in due serate talmente mi è piaciuto. Mi ha presa moltissimo, ho ritrovato tutto lo stile di scrittura della Novak, in tutto il suo splendore! Come sempre, l’autrice si focalizza sempre di più sull’aspetto psicologico dei personaggi piuttosto che al creare tensione ed inquietudine nella storia. La Novak scrive e descrive cose impressionanti, che sono realmente possibili, ma non ha quello stile di scrittura da sussultare se senti un microrumore durante la lettura. Quello che mi piace di lei è anche questo, perché va a scavare nella psiche del personaggio, mette a nudo i meccanismi che lo muovono, rendendo la storia sempre agghiacciante e particolare. Per intenderci, in un suo libro non troverete mai un semplice serial killer, ma sempre molto di più, come un killer mosso da problemi psicologici che lo portano a pensare e desiderare cose non propriamente umane, spesso anche sadiche.
Fin da subito, quindi, si entra nel vivo della storia, i colpevoli si sanno fin da dall’inizio, il libro è incentrato proprio su di essi. Insomma, un thriller tutto da assaporare, con risvolti sempre più tetri ed agghiaccianti.
Non so voi, ma dopo un libro della Novak ho sempre l’amaro in bocca al pensiero che non è solo fantasia, ma degli squilibrati simili possiamo davvero trovarceli ovunque, senza nemmeno accorgercene.
Del lato psicologico dei thriller, Brenda Novak si riconferma, per me, la regina indiscussa.

Della stessa autrice: “Alaska“, “Hanover House“.

Per l’acquisto del libro, clicca qui.

Phobia – Wulf Dorn

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Quanto amo leggere i libri di Wulf Dorn? Per me, da fan sfegatata dei thriller psicologici, Dorn è un oasi di piacere assoluto, davvero. So che è sempre una garanzia. Quindi vi parlo di “Phobia” oggi, uscito a Settembre 2013, edito da Corbaccio e tradotto da L. Basiglini.

Londra, una fredda notte di dicembre nell’elegante quartiere di Forest Hill. Sarah sta dormendo quando sente rientrare il marito, che sarebbe dovuto restare via per lavoro ancora qualche giorno. Ma l’uomo che trova in cucina intento a prepararsi un panino non è Stephen. Eppure indossa gli abiti di Stephen, ha la sua valigia, ed è arrivato fin lì con l’auto di Stephen, parcheggiata come al solito davanti alla casa. Sostiene di essere Stephen, e conosce particolari della loro vita che solo lui può conoscere. Elemento ancora più agghiacciante, l’uomo ha il volto deturpato da orribili cicatrici. Per Sarah e per Harvey, il figlio di sei anni, incomincia un incubo atroce, anche perché lo sconosciuto scompare così come era apparso e nessuno crede alla sua esistenza. Anche la polizia è convinta che Sarah sia vittima di un forte esaurimento nervoso e che non voglia accettare che il marito sia andato via di casa volontariamente e che presto tornerà. Sola e disperata, Sarah si rivolge all’unica persona che, forse, può aiutarla, il suo amico d’infanzia Mark Behrendt, psichiatra che conosce gli abissi dell’animo umano. Insieme Mark e Sarah iniziano a indagare, mentre il misterioso sconosciuto è sempre un passo avanti a loro e sembra divertirsi a tormentarli, a lasciare piccoli segnali e scomparire. Chi è l’uomo sfigurato? Che cosa vuole da Sarah?

La trama per me era molto accattivante, ho comprato questo libro quasi senza neanche leggerla, per farvi capire quanto io mi fidi di Wulf Dorn in fatto di thriller psicologici. E che dire? Sono rimasta un po’ delusa. Come vi dicevo prima, la trama è molto accattivante e particolare, un’ottima base per un thriller degno di essere chiamato tale. All’inizio non sono riuscita ad identificare la causa di questo mio scontento, ma poi ho capito.
Il libro è ben scritto, in ogni caso Dorn rimane sempre Dorn. L’inizio è stato molto inquietante, leggerlo di sera un po’ di ansia me l’ha messa, quindi è molto incalzante, mi sentivo quasi come se lo sconosciuto fosse a casa mia.. Aiuto! Questo è durato poco, molto poco, rispetto ad altre sue opere. Solo i primi capitoli, davvero. Poi è diventato quasi un giallo, se non fosse per i moventi e i modi di agire tipici di un thriller. Si è capito praticamente subito il movente dello sconosciuto e, sinceramente, da uno scrittore come lui, non me l’aspettavo. Un thriller psicologico è particolare proprio per i moventi psicologici che lo muovono e, in questo, Dorn è sempre stato un maestro. I suoi libri sono sempre stati molto impattanti per i risvolti psicologici inquietanti e perfettamente plausibili nella realtà, ma questa non è una caratteristica di “Phobia”, alla fine avevo quasi compassione per lo sconosciuto. Ricordo quando ho letto “La psichiatra” che, sebbene abbia vari difetti dal punto di vista della trama, mi ha tenuta incollata fino alla fine, senza alcuna idea sulla risoluzione del mistero, fino a quando si è rivelato tutto ed è stato maledettamente inquietante realizzarlo. Ecco, da lui mi aspetto questo.
In conclusione no, non è un brutto libro. E’ comunque piacevole, si legge d’un fiato, il ritmo narrativo c’è, la curiosità un po’ meno, avendo capito subito gran parte del movente, ma in ogni caso gradevole. Quello che dico è solo che, se conoscete Dorn, questo thriller vi piacerà meno di altri e soddisferà meno del solito la vostra voglia di psicotici mentali!

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

You – Caroline Kepnes

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Lo sapete, dopo aver visto “You”, il telefilm, non potevo non leggere il libro. Mi è piaciuto talmente tanto che, appena aver finito la serie, avrei direttamente iniziato il libro, non ne ho mai abbastanza di Joe, il protagonista.
You” di Caroline Kepnes esce a Settembre 2014, edito da Mondadori e tradotto da P. Bertante. La storia mi è piaciuto così tanto che l’ho acquistata anche in lingua originale!

Basta una mano che chiude con gentilezza la porta della libreria per non farla sbattere, basta la scelta di un libro né troppo sofisticato né troppo sciocco, basta un maglione a V senza reggiseno, ed ecco che la fantasia di Joe si mette in moto. Joe è un libraio dell’East Village, ama il suo lavoro e ha una personalissima idea sui libri che bisognerebbe leggere, e poi ha un certo occhio per i suoi clienti. Non gli può sfuggire la giovane, carina, sessualmente provocante Guinevere Beck, aspirante scrittrice che ha appena varcato la soglia e ora vaga tra gli scaffali rifugiandosi tra la F e la K, lanciando dietro di sé un sorrisetto malizioso. Beck è tutto ciò che Joe ha sempre desiderato: glaciale e al contempo più sexy di qualsiasi fantasia estrema, ha l’aria da dura, e racconta un sacco di bugie che la rendono misteriosa e ancora più affascinante. E poi non la smette di scrivere, scrive di tutto tranne che il proprio romanzo: mail alle amiche, twitter, sms, un mondo intero di informazioni private facilmente accessibili e tutti sembrano essere molto, ma molto interessati a lei. Beck ancora non lo sa, ma lei è perfetta per Joe, è la sua anima gemella. E presto non potrà più resistere a un ragazzo che sembra disposto a tutto per lei. Ma c’è qualcosa che sfugge a entrambi. Qualcosa di Joe che Beck non ha del tutto realizzato. Qualcosa di nascosto dietro la meravigliosa facciata di Beck. E la loro reciproca ossessione potrebbe rivelarsi non così innocua…

Vi ho già detto moltissime volte, soprattutto per chi mi segue sui social, che ho amato tantissimo la storia, il libro, il telefilm. Questo non vuol dire, tuttavia, che sia privo di difetti. Qualcosina c’è, è vero, ed è innegabile, ma è anche vero che è il romanzo di esordio dell’autrice che, comunque, mi sembra molto promettente.
Il suo grandissimo punto forte è Joe, il protagonista maschile. La storia è narrata in prima persona da lui, come se lui si rivolgesse a Beck, la protagonista femminile. Questo permette al lettore di capire a pieno Joe, come ragiona, cosa pensa, perché agisce in un modo piuttosto che in un altro. Si ha una visione a 360° di Joe Goldberg, nonostante sia uno stalker psicopatico, mi sono ritrovata a simpatizzare per lui. E’ una cosa normale? Probabilmente no, ma è questa la grandissima particolarità del libro. Come si fa a rendere apprezzabile un personaggio del genere? Beh, l’autrice c’è riuscita in pieno, l’ha caratterizzato talmente bene che è impossibile odiarlo!! Onestamente non penso di esagerare quando dico che è fra i miei personaggi preferiti fra film, telefilm e libri! L’ha definito troppo bene, nei minimi particolari, è spigliato, diretto, rude, molto controllato. Lui è davvero convinto di quello che fa, è davvero convinto che quello che fa sia giusto. E’ pazzesco, va davvero letto per capire questo aspetto.
Il linguaggio è un po’ scurrile, quindi se siete sensibili a termini un po’ alterati, non leggete questo libro.
Per quanto riguarda qualche difetto che posso, eventualmente, trovare, è che, essendo un thriller psicologico, mancava un po’ di colpi di scena e momenti di tensione veri e propri, ma rimane comunque molto psicologico, definendo benissimo il profilo di Joe.
Su internet ho letto da molti che è stato trovato un romanzo poco originale. Io non so che dire, non sono molto d’accordo. Io quando ho finito di vedere il telefilm e di leggere il libro, ho pensato l’esatto contrario. Sia per il modo in cui è narrato che per la costruzione dei personaggi, ma anche per come viene concluso. Il finale a me ha soddisfatta molto, è perfettamente coerente con la storia ed ho paura di un eventuale seguito. Libro e telefilm terminano inoltre in due modi differenti, sono curiosa di vedere come verranno sviluppati i seguiti a questo punto.
Vi consiglio questo libro se non siete sensibili a termini a volte scurrili o a situazioni di stalkeraggio invadente. Se amate i thriller molto psicologici, fa davvero al caso vostro e non potete perderlo! Lasciatevi travolgere da Joe Goldberg, non vi deluderà.

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Una morte perfetta – Angela Marsons

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Chi mi segue su Instagram e nelle storie sa quanto abbia sofferto con questo libro. Avevo sentito parlare così bene di questa autrice che l’ho acquistato ad occhi chiusi, per poi pentirmene un pochino. Mi riferisco a “Una morte perfetta” di Angela Marsons, uscito a Maggio 2016, edito da Newton Compton Editori.

Se sei un debole di cuore, il laboratorio di Westerley non fa per te. E’ una struttura che si occupa di studiare i cadaveri in decomposizione. E’ una calda sera quando la detective Kim Stone e la sua squadra scoprono proprio ai limiti di quel laboratorio un corpo di una donna ancora caldo. L’assassino ha trovato il posto perfetto per coprire i suoi delitti. Indagando i sospetti di Kim si fanno sempre più inquietanti, quando una seconda ragazza viene aggredita, ma trovata in fin di vita con la bocca riempita di terra, esattamente come l’ultima ritrovata, nello stesso posto. Chi sarà la prossima vittima e quale schema sta realmente seguendo il serial killer? Riuscirà Kim a decifrare la mente contorta e spietata del killer, prima che continui il suo terribile piano?

Come vi dicevo su Instagram, il rapporto con questo libro è stato di amore e odio. Ci ho messo tre settimane a leggerlo, se non di più, perché non volevo interromperlo comunque e per me è tantissimo. Era questione di principio ragazzi.
Finalmente quindi sono riuscita a finirlo e che posso dirvi. Ho letto di meglio. Come thriller l’ho trovato abbastanza deludente, lo reputo più adatto a un genere giallo, per il decorso della storia e il modo di descrivere le indagini effettuate dalla protagonista.
Per quanto riguarda i personaggi preferisco non professarmi troppo in quanto ho visto che questo è il quarto capitolo dedicato a Kim e alla sua squadra e ho anche letto che nei precedenti libri vengono spiegati bene i protagonisti e le loro storie. Leggendoli in fila sicuramente si ha più modo di capirli e capire le loro azioni e i loro modi di essere. In particolare mi affascina molto la protagonista e mi piacerebbe leggere altro su di lei per poterla capire, perché nel corso della trama viene accennato giusto qualcosa qui e lì e sembra molto interessante. Tuttavia sono un po’ restia perché il modo di narrare dell’autrice non l’ho trovato particolarmente coinvolgente. Spesso, nel corso della lettura, abbiamo capitoli di mezza pagina che lasciano in sospeso delle situazioni che vengono poi riprese in terza persona, raccontate come già successe.
Inoltre, un tasto dolente per me è stata la trama che è scritta sul libro e dovunque sui siti web. L’ho volutamente modificata leggermente in questo articolo perché secondo me contiene troppe informazioni che sarebbe meglio scoprire strada facendo per il mio punto di vista. Altra cosa di questo tipo viene fatta nei primi capitoli, dove ce n’è uno che fa uno spoiler gigante sul movente del killer. Insomma, anche questa è stata una cosa che mi ha bloccata nella lettura perché quanto è brutto leggere qualcosa del quale sai già gran parte della soluzione a venti pagine dall’inizio?
Avevo sentito parlare così bene della Marsons che credevo mi avrebbe presa molto di più. Cercherò di darle un’altra possibilità, magari con la prima avventura di Kim.
Voi che ne pensate? Vi piace la Marsons e avete letto i primi libri riguardanti Kim e la sua squadra?

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Quel che resta del peccato – Matthias Graziani

Questo libro è valutato da me:

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

Se cercate un thriller che non si risparmia in niente, che rischia di toccare ogni singolo lato della vostra sensibilità, “Quel che resta del peccato” di Matthias Graziani, fa proprio al caso vostro!! Edito da La Corte Editore, “Quel che resta del peccato” esce ad Ottobre del 2018 ed è un thriller che non dimenticherò proprio facilmente!

Trama:
Kurt è un ex poliziotto mezzo italiano e mezzo tedesco che non sa darsi un contegno: frequenta i luoghi peggio raccomandabili, beve troppo, agisce contro le regole e reagisce senza pensare. Il tempo di arrivare a Bolzano e, durante la notte del Sacro Cuore, nei boschi fuori città, un uomo e una donna vengono trovati morti. Sono stati assassinati in modo bestiale, e Kurt viene assegnato come investigatore alla Squadra mobile della Polizia. Insieme alla nuova partner Vanessa, bella e sfacciata, toccherà a lui mettersi sulle tracce del killer. La stampa ha già soprannominato l’omicida Schäferhund: il Pastore Tedesco. Ma quando Kurt si risveglia in una vasca da bagno con una ferita chirurgica alla schiena, ecco che inizia un orrore inimmaginabile. E nel frattempo, Bolzano viene travolta da una guerra tra bande di motociclisti: un biker è stato ucciso e ora i suoi compagni cercano vendetta. Nel mezzo di questa apocalisse sull’asfalto, il Pastore Tedesco torna a colpire. Kurt dovrà restare lucido. Anche se, tra incubi e indagini, è arrivato il momento per lui di affrontare il passato. Prima che il passato lo annienti.

“Abbassai lo sguardo, alzando leggermente la spalla sinistra. Cosa mi avevano fatto? Iniziai a gridare come non avevo mai fatto prima. Bocca spalancata, trenta denti che vibravano di paura.”

“Quel che resta del peccato” è un thriller, con qualche nota pulp, che lo rende davvero unico nel suo genere. I personaggi, all’interno della storia, sono ben definiti ed uno dei miei preferiti è stato senza dubbio Vanessa, la co-protagonista femminile praticamente. Una donna poliziotta, dal carattere cazzuto e forte, che non si risparmia in niente ed è sempre in prima linea per combattere e fare giustizia, totalmente adorabile, da prendere come esempio per la vita di tutti i giorni.
Questo è il genere di libro che, una volta finita la lettura, non ti lascia domande o eventi irrisolti perché con la risoluzione finale ogni tassello va al suo posto e va a comporre il puzzle perfetto che è la storia e tutto ciò non è sempre una cosa scontata purtroppo. Potrei citare svariati libri che presentano svariati buchi a causa di una conclusione che non va a risolvere ogni mistero creato nella narrazione.
Senza dubbio, comunque, stiamo parlando di un thriller molto crudo, l’autore non si risparmia in niente, in nessuna descrizione, ci presenta la realtà della storia senza censure e senza freni ed ammetto che anche una lettrice seriale di thriller come me si è ritrovata a tratti in difficoltà, dovendo far conto alla mia sensibilità personale, ma tant’è che non stavo leggendo un romanzo rosa, quindi direi che ci stava e sono andata sempre avanti.
Il fatto che più mi ha colpito di questo libro è l’ambientazione: siamo a Bolzano. In una Bolzano tetra, con tanti segreti e frequentata da persone non raccomandabili e cattive. Siamo abituati a leggere queste storie in posti lontani da noi, in altri stati, in altri continenti. Ed invece no, qui siamo nel nord Italia e sinceramente questo ha contributo a rendere il thriller più agghiacciante ed inquietante! L’autore non si risparmia in descrizioni dell’ambiente e quei monti trentini sono ben conosciuti a molti di noi, quindi immaginarmi certe cose in posti già visitati.. beh, è tremendo e pauroso, non c’è che dire!
La tensione rimane alta per tutto il libro, non vi è mai un calo di questo genere e gli unici momenti in cui potrebbe esserci, sono attimi gestiti molto bene dell’autore che tiene sempre alta l’attenzione in questo modo.
In conclusione voglio menzionare l’epilogo perché ho trovato a dir poco geniale! Non so se sono io che non sono stata molto sveglia, ma fino alle pagine finali non sono riuscita a farmi un’idea ben definita del killer e dei suoi moventi! Neanche un po’, fino alla fine! Lo so, lo so, è imbarazzante, ma devo dire che “Quel che resta del peccato” mi ha proprio fregata e mi ha tenuta incollata fino alla fine! Spero di leggere altro di quest’autore perché sta scalando la vetta dei miei autori di thriller preferiti!
Insomma, se vi piacciono i thriller, quelli agghiaccianti, inquietanti, con molta azione, crudi, questo fa al caso vostro. In più se aggiungete che proviene da un autore italiano che l’ha ambientato in Italia, fra i bellissimi monti del Trentino, dovreste già essere pronti all’acquisto di questo thriller davvero sublime!

“Cerbero, il cane dell’inferno, stava rovistando tra gli attrezzi in cerca di una pinza. Era buio e umido, là sotto. Non poteva accendere alcuna luce, se non un fiammifero ogni tanto. Fuori era buio e qualcuno avrebbe potuto vedere un guizzo di luce.”

Per l’acquisto del libro, ebook o cartaceo, clicca qui.

La psichiatra – Wulf Dorn

Questo libro è valutato da me:

Oggi vi parlerò di un libro che ho letto moltissimo tempo fa, praticamente appena uscito. “La psichiatra” di Wulf Dorn esce nel 2009, infatti, edito da Corbaccio editore. E’ il thriller di esordio di Wulf Dorn e, a suo tempo, ha fatto molto discutere, per le tematiche trattate, ancora poco sdoganate. Nonostante ciò, arrivò a vendere più di seicentomila copie solo in Italia e segnò una grande carriere per Dorn. Io stessa, attualmente, lo considero una garanzia.

Quello di Ellen Roth non è un lavoro semplice: lavora in una clinica psichiatrica. Ogni giorno Ellen si scontra con il lato oscuro del genere umano, la sofferenza più impensabile, il buio della mente umana. La sua carriera non le è servita a prepararsi alla paziente della stanza numero 7 che è piena di terrore, vive rannicchiata in un angolo della stanza dopo essere stata picchiata, torturata e seviziata. Rantola nel buio, fa discorsi senza alcun senso, è chiusa totalmente in sé stessa. Continua a parlare di un Uomo Nero che la sta cercando e che la ritroverà. E’ come vedere una bambina impaurita nel corpo di una donna adulta, dice che presto l’Uomo Nero prenderà anche lei.
Per Ellen tutto diventa più oscuro quando la pazienta sparisce totalmente dall’ospedale, senza lasciare alcuna traccia di sé. Nessuno all’interno della clinica l’ha vista uscire… Ma neanche entrare. Ellen la vuole ritrovare ad ogni costo, ma viene coinvolta così in un macabro gioco dal quale non sa come uscire. Vuole sapere chi è quella donna, chi è l’Uomo Nero di cui ha tanta paura e che cosa le ha fatto. Ellen dovrà cercare di ricomporre quel puzzle di violenza, paranoia ed angoscia, ma in cuor suo sa che ogni nodo verrà al pettine.

Sebbene Wulf Dorn sia tra i miei autori di thriller preferito, non posso negare che, nonostante ciò, in “La psichiatra” qualche difetto l’ho trovato. Niente di sostanziale tutto sommato, il libro si legge, è molto bello, tiene molta suspance e, a tratti, è davvero inquietante. Se siete un po’ paurosi e fifoni, come me, non vi consiglio di leggere questo libro in fascia serale o da soli in casa, sennò il rischio è che vi troviate seriamente inquietati ed impauriti! Sciocchezze a parte, tornando a noi, il difetto che ho trovato probabilmente è dovuto all’inesperienza dell’autore, essendo il suo esordio appunto, quindi il suo primo thriller. E’ stato molto abile a creare suspance e tensione, ha creato molti intrighi e molti misteri davvero inquietanti, ma alla conclusione del libro, non tutte le domande create hanno avuto una risposta. Difficile spiegarvi ciò senza dirvi anche il finale, ma ci proverò nel modo migliore che mi riesce. Diciamo che in un thriller o un giallo, devono sussistere varie domande nel lettore che poi, alla fine, devono trovare una risposta ed un perché e il tutto deve quadrare e non sembrare forzato. In questo libro, non per tutti i misteri creati è così alla fine. Quindi nel contorno lo rende forse un po’ meno perfetto. Tuttavia, è innegabile che la storia, essendo molto forte, fa passare in secondo piano tutti questi presupposti perché è sensazionale, ti lascia senza fiato, ti tiene perennemente in tensione e ti inquieta profondamente. Se l’intento di Dorn era quello di lasciare il segno, senza ombra di dubbio con “La psichiatra” ci è riuscito al massimo. La storia è molto forte perché ti pone davanti a vicissitudini davvero violente e indiscrete che vanno a colpire profondamente la sensibilità di ognuno di noi.
Insomma, come potete aver capito, non è di sicuro una lettura leggera e frivola, ma abbastanza impegnativa, ma vale assolutamente la pena di farla.
Wulf Dorn è stato il primo autore di thriller che ho letto e non l’ho più lasciato, amo il suo modo di scrivere, le sue storie sono sempre brutali, che vanno nell’intimo della psiche umana e sono capaci di sconvolgere. Senza ombra di dubbio è impossibile leggere un suo libro e rimanerne impassibili, al di là di ogni difetto che si può trovare.

 

Articoli simili: “Alaska“, “Hanover House“, “L’estraneo“, “Segreti sepolti“, “Friend request“, “La ragazza del treno